Tra Classificazioni e Open Day, Portici e Napoli in festa per la Pallanuoto Paralimpica

Portici e Napoli in festa per la Pallanuoto Paralimpica. Classificazioni Funzionali  e Open Day, tutto in un solo weekend!



Continua il lavoro della Federazione Italiana Nuoto Paralimpico nel completamento della fase più importante della Pallanuoto Paralimpica: le Classificazioni Funzionali.
Si è appena conclusa a Portici la seconda giornata dedicata alle Classificazioni degli atleti tesserati per le società Partenopee quali CSI Portici ed Expert Lions Napoli che parteciperanno al prossimo Campionato Italiano di Serie A di pallanuoto.
I 27 atleti paralimpici sono stati suddivisi in gruppi e sottoposti alle scrupolose visite curate dal dottor Francesco Perna, Antonella Galvan e Andrea Valsecchi da giovedì 7 Aprile pomeriggio per poi proseguire per l’intera giornata di sabato 9 Aprile. Nella parte “Bench Test” e “Water Test” gli esercizi propedeutici e fondamentali alla disciplina in acqua sono stati portati a compimento dal Referente Nazionale della Pallanuoto Mario Giugliano.

Sempre questo weekend, nella splendida cornice della piscina Scandone di Napoli si è tenuto un’Open Day organizzata dalla società partenopea del presidente della Expert Lions Napoli Andrea Scotti Galletta durante la quale si è disputata una partita di allenamento che ha permesso allo Staff FINP di valutare al meglio il lavoro in acqua degli atleti.

Il Referente Nazionale Mario Giugliano: <<Anche oggi abbiamo potuto constatare che la disciplina sta crescendo sia dal punto di vista tecnico che da quello numerico. Sono sempre di più gli atleti che si stanno avvicinando alla pallanuoto e questo non puó che rendermi profondamente orgoglioso e felice. Il lavoro che si sta facendo sul territorio da parte delle società tutte è davvero notevole. Stesso discorso vale anche per la Federazione che con grande impegno coordina e segue lo staff puntando il massimo verso crescita di questa affascinante disciplina. Tutti questi elementi non fanno altro che ben sperare per il futuro della pallanuoto FINP - conclude Giugliano - ho potuto vedere in prima persona quanta passione e quanta voglia hanno gli atleti di mettersi in gioco “dimenticandosi” delle loro problematiche fisiche che in questo sport sono ancor più difficoltose da superare. Ma loro sono sempre pronti e noi glielo dobbiamo con tutto il nostro impegno, passione e professionalità >>.