Tokyo 2020 day 7: Sognare si può, lottare si deve. Amodeo d’argento, bronzo per Xenia Palazzo

(foto Bizzi/Cip).

La scia azzurra di podi e successi del day 6 ha riportato l’Italia al secondo posto nel medagliere del nuoto. Dall’inizio di questa Paralimpiade fino ad ora è stata un’altalena continua di emozioni e soddisfazioni, emozioni in crescendo con altre due perle dell’Italnuoto Paralimpica.

Due lampi azzurri in apertura del settimo giorno di finali all’Aquatics Centre di Tokyo.

Fenomeno Amodeo.

L’esordiente Alberto Amodeo conquista l’argento nella finale dei 400 stile libero S8 maschili. L’azzurro della Polha Varese parte dalla corsia 7, già dal secondo 50, si piazza al terzo posto per fare poi la magia negli ultimi 100 metri della gara dove impone la sua seconda posizione chiudendo a 4’25”93. L’oro al russo Nikolaev (4’25”16), bronzo all’americano Torres (4’28”47).

“Non riesco a realizzare quello che è successo. E’ un’emozione indescrivibile, non ci sto capendo nulla. Sono stato felice dell’abbraccio dei miei due compagni di squadra che potrei definire fratelli, Federico Morlacchi e Simone Barlaam. Riguardo alla gara, invece, non immaginavo di migliorarmi cosi tanto, quando con la coda dell’occhio sono riuscita a vedere lo staff che stava saltellando mi sono detto – ma cosa starò combinando?”.

L’Italia non arresta la sua corsa e dopo l’argento di Amodeo arriva per la compagine azzurra il bronzo che porta la firma di Xenia Francesca Palazzo.

Davanti alla nostra italiana due colonne del nuoto internazionale quali la plurimedagliata Jessica Long e la connazionale Stickney, un’oro deciso però soltanto nell’ultima vasca con un podio che cambia le previsioni: prima fra tutte la Stickney (4’42”39), seconda la Long (4’43”41) terza la Palazzo (4’56”79) che in maniera molto intelligente ha saputo conservare la terza posizione fin dai primi 50 metri della finale.

“ Un’altra bellissima medaglia, ennesima soddisfazione – dice Xenia - E’ una Paralimpiade da sogno, mai mi sarei immaginata di vincerne tre. Non posso non dedicarle alla mia famiglia in special modo a mia sorella che mi dedica sempre canzoni che scrive”.

Le altre finali.

Alessia Berra (Polha Varese) si ferma al 4°posto nella finale dei 100 stile libero S12 (1’00”68). Oro al brasiliano Gomes Santiago (59”01), argento alla Repubblica Ceca con Pikalova (59”13) e bronzo con la britannica Russell (1’00”25). Quinto posto per Emmanuele Marigliano (Centro Sportivo Portici)  nella finale dei 50 rana SB2 (1'08"55). Federico Bicelli (Bresciana no Frontiere) chiude all'ottavo posto la finale dei 50 stile libero S7 (28"77).