Freedom in Water, il Delegato FINP Sardegna Russu: "Ogni anno cerchiamo di fare del nostro meglio"

Da Cannigione a Stintino. Quest’anno il VI Campionato Italiano in Acque libere ha cambiato location. Un’altra meravigliosa perla della Sardegna ha accolto centinaia di atleti olimpici e paralimpici per la Freedom in Water 2019.

Nonostante la concomitanza dei mondiali, a Stintino si è riversato un numero importante di atleti paralimpici: ben 20. E tutti hanno sfidato le condizioni climatiche avverse causate da un insidioso grecale.

“I feedback positivi sono giunti da parte di tutti anche perché la manifestazione è stata creata ad hoc proprio per far concorrere assieme paralimpici e non. L’idea va oltre il concetto dell’inclusione perché sotto il profilo agonistico molti atleti hanno il doppio tesseramento FINP e FIN”. Queste le parole di Danilo Russu, Delegato Regionale FINP Sardegna, Presidente Regionale FIN Sardegna ed organizzatore dell’evento coadiuvato dal Consigliere Finp ed atleta, Gianluca Cacciamano.

Ogni anno cerchiamo di fare del nostro meglio, cercando sempre dei margini di miglioramento. Stiamo già studiando il sistema per portare un maggior numero di atleti nell’edizione del 2020 e fare il possibile affinché partecipino anche i più forti. L’ideale sarebbe organizzare la manifestazione subito dopo i Giochi Paralimpici di Tokio. Sappiamo bene che la mole organizzativa è enorme, le competizioni in acque libere richiedono un gran lavoro sia per quanto riguarda l’ allestimento dell’area da competizione che per strutturare il campo, l’arrivo ed il servizio di ristoro per gli atleti a cui si aggiungono autorizzazioni varie, il coinvolgimento di giudici e cronometristi e servizi di assistenza.

Dopo cinque anni ad Arzachena eravamo desiderosi di provare nuove location. La finalità della manifestazione è “provocatoria”: vogliamo migliorare il turismo accessibile e quindi fare in modo che le strutture ospitanti facciano un’autocritica e investano per dotare le camere di tutti i necessari requisiti per accogliere le persone con disabilità. Lo stesso discorso va applicato alle spiagge.

Oltre che complimentarmi con tutti gli atleti presenti in Sardegna vorrei congratularmi con la Nazionale Azzurra di Nuoto Paralimpico Campione del Mondo a Londra la scorsa settimana. Oltre al valore sportivo e agonistico questo successo è frutto di un lavoro certosino da parte dello Staff Tecnico Nazionale e dalla Federazione stessa. Auguri a tutti".

I risultati della VI edizione del Campionato in Acque Libere 2019

S7/S10 donne

1°posto Francesca Secci

2° posto Francesca Barcellan

3° posto Katia Aere

 

S7/S10 uomini

1°posto Roberto Pasquini

2°posto Vittorio Abete

3°posto Nicola Azara

 

S3/S6 donne

1°posto Caterina Meschini

2°posto Chiara Vellucci

 

S3/S6 uomini

1°posto Giuseppe Cotticelli

2°posto Lorenzo Peruzzo

3°posto Cristian Lucarelli