Comunicazioni da parte del Presidente Finp Roberto Valori

Pubblichiamo la sesta newsletter da parte del Presidente Finp Roberto Valori.

Care amiche e cari amici,

il consueto aggiornamento sulle attività della nostra Federazione non può che aprirsi con i complimenti a Federico Bicelli (G.S. Fiamme Azzurre e Polisportiva Bresciana No Frontiere), il quale ha stabilito il nuovo record del mondo nei 200 m. stile libero S7 in 2’ 11” 30 in occasione delle World Series di Berlino, migliorando di quasi un secondo il primato già in suo possesso (2’ 12” 36). Nel seguente link https://www.titanium-sportservice.de/en/sport-events/calendar/resultlists-v2?va_id=332&date=2024-05-30 trovate i risultati completi della manifestazione, alla quale hanno partecipato complessivamente 11 azzurri. Oltre al World Record, da segnalare gli altri due ori conquistati sempre da Federico nei 100 m. e 400 m. stile libero S7, nonché l’argento di Francesco Bocciardo (G.S. Fiamme Oro e Nuotatori Genovesi) nei 200 m. stile libero S5. Rimanendo nell'ambito agonistico, segnalo l'ottima riuscita dei Campionati Italiani Giovanili di Fabriano tenutisi lo scorso 5 maggio. Si tratta di una manifestazione che ho tenuto a battesimo e per cui quest'anno ho potuto percepire un deciso salto di qualità: 120 atleti tra i 10 e i 19 anni hanno avuto l'opportunità di mettersi alla prova e confrontarsi con coetanei di tutta Italia. Oltre che alle 47 società provenienti da 13 regioni italiane, il mio ringraziamento va alla Polisportiva Fabriano Mirasole assieme al Delegato Regionale FINP Marche, Vanessa Cicchi, per il grande successo ottenuto dal punto di vista organizzativo e mediatico. Numeri importanti la settimana successiva al Campionato Italiano Master, che ha ospitato anche l’VIII Trofeo “Nota chi Nuota” ed il Campionato Regionale FINP Lazio. Palcoscenico della manifestazione la piscina dello Zero9 di Roma che ha accolto oltre 650 atleti FIN e 45 atleti FINP. L’organizzazione è stata costruita e curata da Gianluca Cacciamano (Vice Presidente FINP), insieme al Delegato Regionale FINP Lazio, Roberto Pasquini, e a Monica Soro (FIN), i quali ancora una volta hanno messo in campo unione e condivisione creando un ponte, sempre più solido, tra il mondo olimpico e quello paralimpico, plasticamente rappresentato dalla staffetta "super mixed" conclusiva. Sabato 18 e domenica 19 maggio si sono giocati i match del girone di ritorno del Campionato Italiano di Serie A di Pallanuoto. Il Girone Nord presso lo Stadio del Nuoto di Cuneo - con la Granda Waterpolo Ability organizzatrice dell’evento - sotto l'occhio attento del responsabile del COL, Andrea Gallone, alla presenza del direttore tecnico di disciplina Mario Giugliano. Il Girone Sud presso la piscina Filippo Scandone di Napoli, con la direzione dei lavori affidata alla Dhea Sport, il tutto coordinato dal responsabile del COL, Francesco Fontana.

Per le Final Six del 14-16 giugno si sono qualificate, a nord, la Rari Nantes Florentia davanti alla San Giorgio Columbus e l’ASD Crazy Waves. In rappresentanza del sud, troviamo il GLS Napoli Lions seguito da SS Lazio Nuoto e Dhea Sport. Con oltre 60 eventi agonistici organizzati da inizio anno, siamo ora pronti a tuffarci in mare per il ricco circuito delle acque libere: già confermate le tappe di Riccione, Muggia, Mondello, Vietri sul mare, Caorle e San Teodoro. Quest’ultima avrà non solo valenza di Campionato Italiano, ma sarà la seconda edizione della Coppa del Mondo in Acque Libere, richiesta a gran voce, dopo il successo dello scorso anno, sia dagli atleti stranieri che dal WPS.

Altro appuntamento importante è dato dal LX Trofeo Sette Colli che si terrà dal 21 al 23 giugno nella strepitosa cornice dello stadio del nuoto di Roma. Questo prestigioso evento internazionale vede, per la prima volta, la partecipazione di 4 delegazioni straniere (Belgio, Gran Bretagna, Spagna e Turchia). Grande impegno anche da parte del Settore Formazione che, in seguito al corso istruttori in Lombardia, ha brevettato 40 nuovi tecnici. Ha, inoltre, recentemente organizzato una sessione di aggiornamento per istruttori che ha visto una platea di 141 partecipanti oltre che un corso di aggiornamento rivolto a 35 allenatori. Tali risultati sono frutto dell'impegno di Elena Grosso, egregiamente coadiuvata da Micaela Biava, insieme a tutto lo staff tecnico nazionale. Per entrambi i corsi di aggiornamento, dopo un'attenta opera di ascolto del territorio, si è optato per la modalità online, la quale non sostituisce ma integra efficacemente la tradizionale, e certamente più coinvolgente, formazione frontale.

Mi preme comunicarvi che proprio in queste ore, uno dei nostri atleti di punta, Antonio Fantin (G.S. Fiamme Oro e SS Lazio), è intervenuto – in veste di rappresentante della Polizia di Stato - all’Assemblea Generale delle Nazioni Unite di New York in occasione del dibattito dal titolo “Crime Prevention and Sustainable Development trhough Sports”. Un invito così esclusivo è la dimostrazione del fatto che i nostri atleti, oltre ad emergere nei contesti meramente sportivi, sono impegnati in vari ambiti e raccolgono successi portando la loro esperienza in tutto il mondo.

Ieri, 5 giugno, presso il bar del tennis di Roma, si è tenuta la conferenza stampa di presentazione di Casa Italia Paralimpica a cui ho partecipato, in qualità di Vice Presidente del Comitato Italiano Paralimpico. Casa Italia - che verrà allestita nel parco Bois de Boulogne di Parigi – sarà un’occasione per festeggiare insieme i risultati dei Giochi Paralimpici e per condividere valori universali che solo lo sport sa regalare. Consapevole che tutto è migliorabile e che molto lunga è ancora la strada che porta a quello che mi piace chiamare "l'unico nuoto", non posso non manifestare la mia grande soddisfazione per un movimento che è in continua crescita in tutti suoi i settori. Abbiamo infatti mantenuto, anzi migliorato, uno standard minato dalla pesante crisi vissuta dal mondo delle piscine negli ultimi anni, grazie al duro lavoro di tutti coloro i quali fanno parte del nuoto paralimpico.

Di questa crescita non ho alcun merito se non l'essermi circondato di persone di enorme competenza e infinita passione. Proprio per il rispetto che queste persone meritano non posso non manifestare il mio disagio per una serie di illazioni mosse contro la Federazione da persone che della FINP hanno fatto parte sino a poco tempo fa e che sembrano animate da un rancore che dal piano personale si estende a quello istituzionale.

L'ho scritto poc'anzi: tutto è migliorabile ed ogni critica è benvenuta, oltre che attentamente considerata, se mossa nell'intento di favorire la crescita del nuoto paralimpico: sono proprio le critiche e le osservazioni ricevute dal territorio che ci hanno permesso di potenziare e riorganizzare le attività di formazione, di migliorare la presenza in rete, di sviluppare i portali per la gestione dei risultati, di intensificare la ricerca di sponsor per sostenere non solo gli organizzatori di eventi ma anche le delegazioni.

Ma attaccare la Federazione per ragioni personalistiche, per giunta a ridosso dei Giochi di Parigi, non rappresenta solo un torto al sottoscritto ed ai collaboratori, ma una mancanza di riguardo nei confronti di tutti: atleti, tecnici e dirigenti societari che di questa Federazione sono i veri protagonisti e che tutti i giorni si rimboccano le maniche per recuperare spazi, risorse, visibilità. I diversi punti di vista possono portare a grandi risultati solo se animati da un fine comune: il bene e la crescita del nostro movimento. Grazie a tutte e tutti, e a presto.

Un caro saluto

Roberto Valori