La FINP è la prima Federazione Paralimpica a presentare il Bilancio di Sostenibilità

scarica qui il BILANCIO di SOSTENIBILITA' 2017

scarica qui la fotogallery

Una serata importantissima quella andata in scena sabato 27 ottobre presso il Centro di Preparazione Paralimpica Tre Fontane, presentata in maniera impeccabile dalla giornalista e voce di RaiSport, Arianna Secondini. Alla presenza del presidente della FINP Roberto Valori, del presidente CIP Luca Pancalli, del segretario generale Franco Riccobello, della Professoressa Cristiana Buscarini e di una fetta della Nazionale Azzurra composta da: Federico Morlacchi, Giulia Ghiretti, Efrem Morelli, Carlotta Gilli, Vincenzo Boni e Alessia Scortechini è stato presentato il Bilancio di Sostenibilità 2017. Oltre a tale Bilancio è stata l’occasione per festeggiare anche l’ultimo successo della Nazionale di nuoto paralimpico a Dublino. Clicca QUI

 

Presidente FINP Roberto VALORI

“ Abbiamo riunito tutta la famiglia del nuoto paralimpico qui, in questa giornata così importante per noi, un parterre d’eccezione composto dal presidente Pancalli, dal segretario Riccobello, dalla professoressa Buscarini, per poi passare ai nostri Delegati Regionali, ai Consiglieri, allo Staff Tecnico Nazionale capitanato dal CT Riccardo Vernole e dal presidente Francesco Fabrica - nostro Sponsor tecnico Jaked. Grazie anche a Legambiente, per il percorso intrapreso assieme al presidente Ciafani.

Per la prima volta dal 2010  - prosegue il presidente Valori - abbiamo voluto riunire tutta la famiglia FINP, una famiglia composta da persone che in grande silenzio hanno lavorato duramente ed hanno portando un grande contributo al nuoto paralimpico. Questa giovane Federazione è nata nel 2010, in soli otto anni abbiamo percorso grandi strade e fatto passi da giganti, basti pensare alle 7 medaglie vinte ai Giochi Paralimpici di Londra nel 2012, quasi raddoppiate a Rio de Janeiro nel 2016 ( 13 medaglie), alle 34 medaglie vinte al Mondiale di Mexico City fino allo straordinario successo di quest’anno, all’Europeo di Dublino, dove i nostri 28 azzurri non solo hanno portato all’Italia 74 medaglie, ma si sono imposti secondi nel Medagliere generale, davanti a noi solo l’Ucraina “.

 

Presidente CIP Luca PANCALLI

“ Mi sento assolutamente a casa, nella famiglia del nuoto paralimpico, mi ritrovo ad avere oggi qui un segretario generale che era il mio tecnico ed un presidente che ai tempi era il mio compagno di stanza. Sono particolarmente felice di essere qui e di vedere quanto l’amico Roberto ( Valori) stia facendo per questa Federazione oltre a ringraziare lui estendo il mio ringraziamento anche al consiglio federale e allo staff Tecnico. Il percepire una Famiglia è davvero la cosa più bella, il percepire che si è all’interno di una Squadra, si è all’interno di un percorso di condivisione, di progetti e di mission è la cosa, a mio modo di vedere, più bella che si possa vivere in una Federazione. E questo, permettimi Presidente, è merito tuo, del segretario generale, del tuo staff e di tutti coloro che ci lavorano. State facendo un grande lavoro ed io di questo sono orgoglioso. Il movimento Paralimpico Italiano sta scrivendo silenziosamente una rivoluzione culturale del Paese “.

 

Segretario Generale FINP Franco RICCOBELLO

“ Siamo la prima federazione paralimpica ad aver fatto questa scelta sostenibile, un percorso davvero impegnativo che ci fornirà delle importantissime linee guida da seguire e rispettare per mettere proprio alla luce tutto ciò che viene fatto all’interno della FINP, ma che non si vede. Ad esempio, aver attrezzato le 7 spiagge in Sicilia, non parlo solo in termini di accessibilità, ma per aver dato istruttori che potessero permettere l’attenta agevolazione in acqua. In Puglia abbiamo attrezzato invece ben 16 piscine, non solo con i sollevatori, ma con l’abbattimento delle barriere architettoniche (gradini e tribune). Siamo partiti con un grande progetto in Sardegna assieme ai Vigili del Fuoco, un progetto che insegna a mettere in sicurezza le persone con disabilità. Abbiamo svolto dei “Summer Camp” con alcune Regioni come l’Abruzzo, l’Emilia Romagna e la Basilicata. Per la parte web abbiamo creato delle reti in cloud affinchè ci sia pochissimo consumo di carta. Stessa cosa per la raccolta differenziata, a breve partirà il protocollo d’Intesa con Legambiente – presumo nel 2019 – in tal modo avremo dei margini ancora più ampi di consapevolezza e miglioramento. Infine vorrei ringraziare in maniera particolare il coordinatore del Progetto Simone Conversini, e tutti i dipendenti della FINP che hanno lavorato uniti alla realizzazione di questa stesura di Bilancio “.

 

Professoressa Cristiana BUSCARINI

“ Questo elenco di attività che il segretario generale Franco Riccobello ha appena fatto ci spiega come la Federazione è stata capace di andare al di là dell’aspetto agonistico e rendersi conto che ci sono tanti aspetti che dalla stessa Federazione possono essere toccati per quella rivoluzione culturale di cui parlava il presidente Pancalli, per costruire un nuovo umanesimo e cambiare i paradigmi dominanti. Il Bilancio di Sostenibilità richiede all’organizzazione che lo redige una sensibilità, o meglio responsabilità, da un punto di vista Sociale, Economico e Ambientale poiché rendiconta alla fine di ogni anno, gli effetti del proprio agire sotto i tre diversi aspetti. Ogni organizzazione dovrebbe intraprendere questo percorso di sviluppo sostenibile. E’ importante perché il mondo che oggi stiamo vivendo ha delle regole sociali ed economiche che non stanno funzionando: stiamo danneggiando l’ambiente naturale e la base sociale delle condizioni di vita che dovrebbero essere garantite a tutti. E’ necessario riconoscere che la nostra economia sta depauperando le risorse naturali e capire che per preservare il nostro pianeta in favore delle generazioni future dobbiamo agire in modo responsabile. Essere responsabili significa essere capaci di rendersi conto di cosa si fa e degli effetti del proprio agire: la cultura dello scarto, il consumismo, le relazioni utilitaristiche devono lasciare il posto a una società più consapevole e che si muova sulla condivisione di valori universali quali la salvaguardia dei diritti umani, la giustizia, la fraternità. E’ molto importante quindi  il cammino intrapreso dalla FINP verso la sostenibilità perché ogni organizzazione ha come responsabilità sociale quella di contribuire allo sviluppo sostenibile."

 

Download

Bilancio di Sostenibilità 2017