Carlotta GILLI tra le protagoniste del libro  “Le 100 Donne che Cambieranno l’Italia”

 

Donne ieri oggi & domani

Direttrice collana Marta Ajò

 

 

L’Italia secondo me è un Paese bellissimo e poterlo rappresentare in campo internazionale è un grande onore, sentire l’inno nazionale e vedere issare il tricolore è stata una delle esperienze più belle della mia vita ”. Queste le parole della Campionessa paralimpica - cinque medaglie d’oro ai Mondiali di Città del Messico 2017 e detentrice di quattro Record del Mondo – Carlotta GILLI, una delle 100 donne protagoniste di questo volume curato da Marta Ajò, Direttrice della collana.

100 Donne che cambieranno l’Italia “ con questo titolo gli Stati Generali delle Donne vogliono mettere a disposizione una mappatura di donne impegnate nel sociale, nella politica territoriale nonché nelle professioni.

Molte delle donne presenti il questo testo,  ha scelto da sè la forma diversa per descriversi. L’originalità di tale volume è anche in questo.

Ancora una volta le donne si mettono in discussione con modalità differenti, ma costruttive. Bando alle recriminazioni, si ai progetti e alle proposte.

 

Una delle protagoniste, come dicevamo prima è un’azzurra della FINP. Carlotta GILLI, tesserata per la Società Rari Nantes Torino e per le Fiamme Oro, Gruppo Sportivo della Polizia di Stato, frequenta il quarto anno del Liceo Scientifico delle Scienze Applicate verso l’Istituto Salesiano Valsalice: “Conciliare l’impegno natatorio con lo studio non è stato facile, ma con tanto impegno, tante rinunce e l’aiuto e la disponibilità del corpo docente e dei compagni di classe tutto diventa possibile”.

 

Il 2017 è un anno decisamente importante per lei: oltre a gareggiare con la FIN inizia il suo percorso in FINP, un percorso che si trasformerà in una escalation di successi, tutti messi in fila, uno dopo l’altro.

Come non ricordare l’IDM di Berlino, il Meeting Internazionale di Eindhoven e dulcis in fundo lo strepitoso Mondiale messicano dove la torinese firma una delle pagine personali più belle finora del nuoto paralimpico. Grazie a tali risultati viene insignita del Collare d’ Oro al Merito Sportivo, massima onorificenza conferita dal CONI.

Per cambiare in meglio l’Italia vorrei che si ‘ facesse qualcosa ‘ per aiutare i ragazzi a conciliare scuola e sport. Per ottenere risultati scolastici bisogna investire tante ore nello

studio e parimente per ottenere risultati sportivi occorre dedicare molto tempo all’allenamento. In Italia non esiste una grande cultura sportiva per cui spesso lo studente che pratica sport non è aiutato e considerato un’attività che ruba tempo allo studio.

Servirebbero strutture sportive di alto livello all’interno delle scuole – conclude Carlotta GILLI – che permettano allo studente – atleta di non perdere tempo negli spostamenti, e dove lo studente viene aiutato a portare egregiamente a termine il proprio percorso scolastico, poiché ci deve essere la possibilità di essere eccellenti sportivi e persone colte “.

Download

100 Donne che cambieranno l'Italia