Alla Sciorba si festeggia il Centenario della Pallanuoto con il motto "Genova nel Cuore "

clicca qui per la fotogallery

Fortissime le emozioni che si sono vissute alle Piscine della Sciorba  per i festeggiamenti del Centenario del Campionato della Pallanuoto. Le tribune gremite di tifosi si sono unite in un unico abbraccio virtuale su tutta la città di Genova.

" Genova nel Cuore " questo è lo slogan che è stato coniato dopo il tragico crollo del Ponte Morandi, ed oggi i campioni della pallanuoto e della pallanuoto paralimpica hanno indossato la maglia proprio con un ponte rosso che simboleggia il cuore pulsante di questa città, il ricongiungimento, l'unione e la ricostruzione. Perchè rialzarsi di può e Genova lo sta facendo.

Prima dell'inizio del match è intervenuto il Presidente della Federazione Italiana Nuoto Paolo Barelli. " Siamo arrivati al 100° campionato di A1 maschile e il 35° femminile e noi non potevamo che essere qui per onorare questo sport, con una grande festa. Genova è la città della pallanuoto e siamo veramente felici di dedicare al capoluogo ligure il campionato di pallanuoto numero cento che sarà all'insegna di Genova nel Cuore". Nel primo intervallo il Presidente della Regione Liguria Giovanni TOTI rimarca quanto già espresso durante la conferenza stampa di presentazione: "E' un segnale davvero di vicinanza a Genova molto importante e credo che quello che rappresenta la FIN sia il sentimento di tutti gli italiani. In bocca al lupo a tutte le società per l'inizio della stagione e a Genova che sicuramente rialzerà la testa come ha sempre fatto".

Prima del fischio di inizio tra la Nazionale Maschile FIN e gli All Stars - terminata poi 10 a 6 - vanno in scena due rappresentative gli atleti della pallanuoto paralimpica, ospiti d'eccezione i padroni di casa  Francesco BOCCIARDO e Giovanni SCIACCALUGA.

Si giocano due tempi da dieci ciascuno con quadre miste. Nonis per i bianchi e Palumbo per i blu ingaggiano una sfida personale; sono loro le doppiette che caratterizzano il primo tempo: due controfughe ben finalizzate per Nonis (in entrambe i casi servito dal proprio portiere Pascolo) e due gol da posizione centrale per il mancino Palumbo che pareggia per i blu. Ci pensa Bonsignore a 1'46" dalla fine del primo periodo e riportare in vantaggio la FinpA (3-2).

Nel secondo tempo si mette in evidenza  Giovanni Sciaccaluga che per due volte porta i compagni in calottina bianca sul +2; per i blu replicano prima Russo e poi Gabrielli, unica tra le ragazze in acqua a segnare. Gara in equlibrio fino agli ultimi due minuti, quando Bonsignore, Negro e Sciaccaluga (gol sulla sirena e tripletta personale) chiudono la partita a loro favore. Applausi per tutti i giovani pallanuotisti che subito dopo si uniscono ai big per il riscaldamento di Italia-All Stars. Francesco Bocciardo racconta la propria emozione. "E' stato uno dei momenti più emozionanti della mia vita: giocare davanti a tanto pubblico, tanti miti e poi allenarsi con il Settebello e le All Stars. Mi auguro che tutto il movimento FINP continui a a crescere. Peccato solo aver perso". 


 
FINP A-FINP B 8-4
Finp A. Pascolo, Alighieri, Bonsignore 2, Crovetto, Manuel, Andina, Negro 1, Anthony, Nonis 2, Sciaccaluga 3. All. Begni, Di MAio e Guaresi
Finp: Cristian, Lanza, Elisabeth, Russo 1, Ciullo, Alex, Gabrielli 1, Palumbo 2, Velotto, Bocciardo. All. Falconi e Gomez
Arbitri Gomez e Severo
Note: parziali 3-2, 5-2.

IL COMMENTO del Referente Tecnico della Pallanuoto Paralimpica, Stefania GIULIANI.

" E'stata una grande emozione vedere i nostri atleti scendere in acqua in apertura della partita del centenario, tanta storia della pallanuoto per la FIN ci aiuta a credere ancora di più che la pallanuoto paralimpica possa andare avanti e coinvolgere e spingere sempre più ragazzi verso questo sport così avvincente e divertente.

Essere presenti è stato motivo di vanto e di orgoglio - dice la Giuliani -  poter condividere in acqua il palleggio con i grandi campioni della Nazionale è stato davvero un momento magico che fa vincere lo sport sopra  ogni differenza. Vorrei che il mio ringraziamento giungesse a tutti: ai ragazzi, ai tecnici di società, allo staff della Sciorba  ed infine a chi ha permesso che ciò potesse accadere ".